Il silenzio della strada
sparpagliatosi un raggio di luce
resta fermo e calpestato,
un secondo bruciato dal vento
e il mio cuore viaggiatore
guida tutto il rumore che lascia dietro.

dai teschi della bruna morte
tirai a sorte, osservando sbiadire
quel mondo che si dimenava
tra le mie braccia.

Strade inverse
compiute e rovinate,
le dolorose ed angoscianti,
grazie – riposo qui,
nel segno dell’amore,
i piedi e lo spirito.

Le mie mani tremanti
affondate in seno alla poesia,
e quel silenzio si divulga di profumo
e come il mondo dimena parole
su tombe dei silenzi che ho taciuto
e il velo sfolgorante del vento batte
il mio viso.

Qualunque strada sia la mia,
tornerò a casa.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...