I suoni del mare

I suoni del mare
In lontananza
I gabbiani cantano
Sopra asfalti di sale
Che si abbattono liberi
Nelle catene del vento

La gatta dell’amore

La gatta dell’amore
Nel tepore si assopisce
La città che in un tremolio
Di coda, quieta l’incauta emozione
Riflesso di rumori lontani,
Sospesi nella gola che freme
Il passero s’appoggia al ramo
Affaticato di pioggia
E le alte fusa mi spronano
Verso l’inevitabile,
In momenti da
Far battere il cuore forte
Dove nel silenzio tutto dorme
Tranne nel fianco che un poco si muove
Coperto dal pelo soffice di seta
Quasi a rammendarmi
Come se ce ne fosse bisogno
Di fare quello che mentre la luna
Sospira galleggiante e luminosa
Mai lasciarti, perché sei la mia gatta dell’amore.

Stazione

20140120-121116.jpg

Stazione di benzina
Si ferma il tempo
Qualche secondo
Le chiacchiere al vento
Al freddo che circuisce
L’anima tremante e ne chiude il sibilo tra le fronde degli alberi.

The day

Disguised
The day hides
In corners closed
One night veiled
Waiting for some
Joys terrifying to sleep on.