He tells me live

I let myself transfix from a poised freezing column. He penetrates the throat with the smoke and chokes me pulling my hair. I give. And giving, smoke of blame in the mirror, stick to the tonsils

and it is out of the question to speak. Move forward surrounded by splinters towards the place where I am not.

Because one goes more in, more the alienation takes body and expands in ink stains; is even my blood. it purifies my body in month and lets the aborted dumb words go out

And lets the aborted dumb words on which I sprinkle plugs of flattened towards evening roses and clouds go out. I eat them up to encrust the trachea. Then they go.

But then I write: is the love that throbs in the veins full of worms when there are also i’m not. With a wrench it puts back me in earth and it is the fire of my eternal mortality.

He tells me, live. Writing. Love, writing. Writing love up to the total decay and up to calming down the torrent of freezing and fire and until the decomposition of every emotion.

Annunci

Mi dice vivi

Mi lascio trafiggere da una colonna sospesa di gelo.
Mi penetra la gola col fumo e mi soffoca tirandomi i capelli.
Cedo. E cedendo, fumogeni
Di biasimo nello specchio, mi si incollano alle tonsille – e di parlare è fuori questione. Avanzo circondata da schegge verso il posto dove non sono io.
Perché più si va dentro, più l’alienazione prende corpo e s’espande in macchie d’inchiostro; perfino il mio sangue lo è.
Di mese in mese purifica il mio corpo
E lascia uscire le parole mute abortite su cui cospargo spine di rose e nuvole appiattite verso sera.
Le mangio fino a incrostarmi la trachea. Poi se ne vanno.
Ma poi scrivo: è l’amore che mi palpita nelle vene piene di vermi anche quando non ci sono.
Con uno strattone mi rimette in terra ed è il fuoco dell’eterna mortalità mia.
Mi dice, vivi. Scrivendo.
Ama, scrivendo. Scrivendo ama fino al disfacimento totale e fino al quietarsi del torrente di gelo e fuoco e fino alla decomposizione di ogni emozione.

Closed

Closed time
Where the same it
Full of painful
Sigh
Hastens his death.
Closed – in the rembered
valley of what he has lost.
Inexorably closed.

Chiuso.

Chiuso il tempo
Ove lo stesso
Gremito di dolente
Sospiro
Affretta la propria morte.
Chiuso – nella valle
Rimembrata di ciò che ha perduto.
Inesorabilmente chiuso.

Creak

Suspend
The creak
That my soul
Absorbs at night.
Burrowing tear from his eyes,
By suppressing the noise.
Remains unchanged
To silence my terror.
Of Venous blood
That the moon opens
Dripping solstice
This summer
Hot that it does thicken, burning.
It stops my breath and fall into the gaping mouth of another night
Stolen
From flowers hatched climbed in the navel of the storm.

Cigolio

Sospendere
Il cigolio
Che la mia anima
Assorbe alla notte.
Lo lacero scavandogli gli occhi,
Sopprimendo il rumore.
Rimane l’inalterato
Silenziarsi del mio terrore.
Delle vene sanguigne
Che la luna si apre
Sgocciolando il solstizio di
Questa estate
Calda che lo fa addensare, bruciandolo.
Si ferma il respiro: e cado nella spalancata bocca di un’altra notte
Rubata ai fiori schiusi arrampicati nell’ombelico della tempesta.

Petals

Not listening to the reverb Of the night. Bury him Among the roses in the garden Where thorns find the sun In hours of despair. And the petals dies in an unchanged Judgment.