Siede la donna

Siede la donna
Sulle crepe della luna
Di mosche e il piacere
Di scrutare l’epicentro del niente
I capelli al vento
Tagliandosi a pezzettini
Fin dove sente
A intervalli tra oceani e voci
Le viscere contro le dita
Radici di stelle appuntite
Le spuntano dalla gola
Soffocando assimila galassie lontane
Sognando un amore oscuro
Da farla morire in agonia
Di ansia e sentimenti e calamità naturali
La donna della luna
Su una luna esplosa
Di sangue su cosce e bocca
Si cela in altre dimensioni
Osservando il proprio centro
Per massacrarsi ancora.

Annunci

4 thoughts on “Siede la donna

  1. Molto forte, ma non è ‘la donna’, è ‘ una donna’ che sembra aver colto un segreto impronunciabile, aspettando qualcosa di indicibile, forte contro gli altri e ancor di più contro se stessa. Sbaglio?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...