Rumori nel cielo, sordi di testamento. Non ci sono luci né parole, soltanto echi sgraziati e acuti, pressati in briciole che sono il pane di molti, per chi ha tutto e vorrebbe niente, per chi possiede tutto e lo scambia con niente. Non ci sono scappatoie nelle tombe delle nuvole. Si sgretolano piano autonomamente. Tutto vetri rotti che collassano a terra, in un esangue silenzio. Le luci, ancora non si vedono. La luna divora i sentimenti degli uomini per poter brillare, la luna è donna, amante e dea. Protettrice dei sognatori e dei tempi antichi – c’è della rugiada che soffia mute rassicurazioni tra i continui rumori del cielo. Voglio scrivere tutto il giorno. La devozione che accresce alcuni battiti, persi nel ricordo che ho di me, morendo ogni volta…Ma delle luci nel cielo ci sono, nonostante il sangue sia veleno, spettro di ogni uomo e nessun uomo, teatri innocenti delle nostre battaglie.

Eppure la luce c’è. E vedo. Edera lucida, su un muro arancio che ritorna alla polvere, e petali di un fiore di cui non rammendo il nome, viola e giallo. 

Polvere di fata, quando è Natale e tutti i sogni si avverano e la presenza dell’amore la si sente nel punto più profondo dell’anima.

Vorrei essere lo specchio in cui guardi le meraviglie della terra,

dartele in dono, se potessi; vorrei darti la vita ancora milioni di volte, morte dopo morte.

Voglio proteggerti, tutto di me vuole proteggerti (proteggervi), tutto di me chiama te.

E sei come luce che conosce il mio nome attirandomi verso di lei con insistenza. Come ossigeno pulito. Come qualcosa che posso sfiorare e toccare, eppure non stringere completamente. Ci sono amori che fanno piangere. Qualcosa per cui vale la pena vivere e morire.

Tu sei tutte le mie risposte, le mie domande, le mie battaglie, il mio conforto, il mio amore, il mio destino, la mia scommessa, la mia strada, la mia anima la ragione della mia intera vita.
Morirei per guardare i vostri occhi.

Per poter abbracciare il vostro respiro

scegliendovi sempre.

Per scrivere

in un istante lento secoli

stretta dai vostri sguardi.
Ancora e ancora e ancora.
Guardo il cielo.

I rumori sono solamente delle risate trattenute a malapena, assieme a sorrisi che mai dimenticherò, e quello per cui vale la pena vivere.
Voglio scrivere tutto il giorno

tutte le notti

fino al giorno della mia morte.
Tutto quello che vedo, ora, è la luna – lo senti mai, il mio cuore che ti parla, mentre il sole brucia?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...